Fred_Donaldson
O. Fred Donaldson
Pedagogista americano
Original Play®
16 maggio 2018

Marina Valcarenghi
Psicanalista junghiana
seminario residenziale

PH CONSILVIO
MILANO 20/04/2007
DOTTORESSA VALCARENGHI (Agenzia: EMMEVI)  (NomeArchivio: VALCAv03.JPG)

Le immagini che vengono da lontano

(Marina Valcarenghi)


Nella nostra vita ci muoviamo attraversando simboli spesso senza nemmeno averci pensato: cos’è una stretta di mano? Un bacio a un’amica? Che cos’è una genuflessione per un credente? Una fede matrimoniale? O i colori della nostra bandiera? Sono simboli, cioè vogliono dire qualcosa che non si vede, che sta dietro, dichiarano per esempio fiducia e benevolenza, affetto, come anche l’accettazione della volontà divina, l’impegno nell’amore e la nostra unità nazionale.

I nostri sogni – non potendo usare le parole – usano immagini simboliche per raccontarci della nostra vita: se sogno la mia casa sogno quella parte di identità che è stabile e radicata dentro di me, se sogno di guidare la mia auto è il mio movimento che viene preso in considerazione, un tratto del mio percorso di vita, dove sto o non sto andando e così via.

Ci sono però immagini simboliche che hanno valori analoghi e costanti nella vita di tutti gli esseri umani e in ogni tempo e sono definite archetipiche: esse rappresentano un condensato di sapere accumulato in migliaia di anni, contengono un potenziale energetico e producono intense reazioni emotive.

Le immagini archetipiche fanno la loro comparsa nei sogni, ma anche nell’arte visiva, nella letteratura, nella poesia, nel linguaggio quotidiano, religioso, filosofico, psicologico e persino pubblicitario.

Noi registriamo queste immagini, ma non sempre siamo in grado di decifrarle, di capire il loro perché e quindi che cosa ci vogliono dire, come ci vogliono aiutare.

In questo seminario parlerò di alcune immagini archetipiche e insieme andremo alla loro ricerca nell’esperienza di ognuna di noi.

Marina Valcarenghi, prima di diventare psicoanalista, ha lavorato a Roma come funzionaria nell’ufficio studi di un Ministero, e in seguito, a Roma e a Milano, come giornalista per la Repubblica, l’Espresso e il Manifesto. Nel 1983 fonda con alcuni colleghi una scuola di psicoterapia a indirizzo junghiano riconosciuta dal Ministero della Ricerca Scientifica.

Di questa scuola è stata direttrice ed è attualmente docente di psicologia analitica e di psicoanalisi sociale. E’ stata consigliere e vice presidente dell’Ordine degli psicologi della Lombardia dal 1999 al 2006. Dal 1994 al 2002, su invito della direzione, svolge un’attività sperimentale di psicoterapia psicoanalitica all’interno del reparto “protetti” del carcere di Opera (Milano), dirigendo il suo intervento principalmente verso i condannati per violenza sessuale (stupro e pedofilia). Attualmente guida un gruppo di psicoanalisi composto da detenuti sessualmente violenti nel carcere di Bollate (Milano).

Le sue pubblicazioni attinenti alla professione di psicoterapeuta - escludendo i libri collettivi o di altro argomento e gli atti congressuali - sono i seguenti: I manicomi criminali Mazzotta Milano 1975 Nel nome del padre Tranchida, Milano 1982 Relazioni Tranchida Milano 1994 (tradotto negli Stati Uniti e in Germania) Psicoanalisi e politica L.Gentili, Milano 1995 “Signori della corte – un’arringa per Antigone” Re nudo – Siena 2001 L’aggressività femminile B.Mondadori, Milano 2003 L’insicurezza B. Mondadori, Milano 2005 “Ho paura di me”-il comportamento sessuale violento B.Mondadori, Milano 2007 “L’amore difficile” B. Mondadori, Milano 2009 “Senza te io non esisto – dialogo sulla dipendenza amorosa” Rizzoli 2009 “Mamma non farmi male – ombre della maternità” B. Mondadori, 2011 “Il coraggio della felicità” B. Mondadori, 2013

Un occasione favolosa: abbiamo Marina Valcarenghi tutta per noi per tre giorni. Abbiamo trovato inoltre una ottima soluzione economica per facilitare i nostri soci

Marina Valcarenghi

Psicanalista junghiana

Seminario residenziale

Presso: Società Agricola di Platischis (Taipana, Udine)

Trovate una pagina della struttura su facebook

Venerdì 29 giugno dalle ore 20.00, sabato 30 giugno e

domenica 1 luglio mezza giornata.

Costo:

  • Costo per il seminario 100,00, (o 120,00 se non si dorme nella struttura)
  • Alloggio 10,00 euro a notte in camerata, 13,00 in camera quadrupla, più pranzi in una vicina trattoria.
  • Facciamo una piccola spesa comune per farci la colazione e ognuno cerca di portare qualcosa per la cena di venerdì e sabato. Possiamo preparare anche qualcosa in loco. Ci organizziamo una volta ricevute le adesioni.

Orari:

Venerdì 29 giugno piccola cena di benvenuto alle ore 19.00 (ognuno è invitato a portare qualcosa, torte salate, riso freddo, verdure ecc) lezione ore 20.00-22.30/23.00

Sabato 30 giugno: con molto relax inizio lezione alle 10.00/10.30. La mattina 3 ore di lezione e 2 il pomeriggio … e poi conversazione con Marina, individuale, di gruppo, in gruppetti, riposandoci in giardino, facendo da mangiare, e passeggiando. Se abbiamo voglia la sera ci guardiamo un film scelto da Marina e poi commenti, condivisioni, riflessioni, oppure ci si apre a quel che viene.

Domenica 1 luglio: tre ore di lezione la mattina e poi tutti danno una mano a pulire e a sistemare, dobbiamo lasciare la struttura come la troviamo.

Posti limitati.

Per prenotarsi inviare una caparra di euro 50,00

Causale bonifico: ‘Seminario residenziale Marina Valcarenghi giugno 2018’
Il bonifico va intestato a:
Associazione Tao Crescita Interiore
Iban: IT58W0200812304000104080909
Unicredit Agenzia Udine Viale Volontari della libertà
Prima di fare il bonifico contattaci via mail per sapere se ci sono ancora posti disponibili: a info@taocrescitainteriore.it


Un occasione favolosa: abbiamo Marina Valcarenghi tutta per noi per tre giorni. Abbiamo inoltre trovato una soluzione economica per cercare di facilitare i nostri soci 

Marina Valcarenghi

Psicanalista junghiana

Seminario residenziale

Presso: Società Agricola di Platischis (Taipana, Udine)

Trovate una pagina della struttura su face book

 

Venerdì 29 giugno dalle ore 20.00, sabato 30 giugno e

domenica 1 luglio mezza giornata.

 

Costo:

  • Costo per il seminario 100,00, (o 120,00 se non si dorme nella struttura)
  • Alloggio 10,00 euro a notte in camerata, 13,00 in camera quadrupla, più pranzi in una vicina trattoria.
  • Facciamo una piccola spesa comune per farci la colazione e ognuno cerca di portare qualcosa per la cena di venerdì e sabato. Possiamo preparare anche qualcosa in loco. Ci organizziamo una volta ricevute le adesioni.

Orari:

Venerdì 29 giugno piccola cena di benvenuto alle ore 19.00 (ognuno è invitato a portare qualcosa, torte salta, riso freddo, verdure ecc) lezione ore 20.00-22.30/23.00

Sabato 30 giugno: con molto relax inizio lezione alle 10.00/10.30. La mattina 3 ore di lezione e 2 il pomeriggio … e poi conversazione con Marina, individuale, di gruppo, in gruppetti, riposandoci in giardino, facendo da mangiare, e passeggiando. Se abbiamo voglia la sera ci guardiamo un film scelto da Marina e poi commenti, condivisioni, riflessioni, oppure ci si apre a quel che viene.

Domenica 1 luglio: tre ore di lezione la mattina e poi tutti danno una mano a pulire e a sistemare, dobbiamo lasciare la struttura come la troviamo.

Massimo 25 posti.

Per prenotarsi inviare una caparra di euro 50,00                  

Causale bonifico: ‘Seminario residenziale Marina Valcarenghi giugno 2018’
Il bonifico va intestato a:
Associazione Tao Crescita Interiore
Iban: IT58W0200812304000104080909
Unicredit Agenzia Udine Viale Volontari della libertà
 Prima di fare il bonifico contattaci via mail per sapere se ci sono ancora posti disponibili: a info@taocrescitainteriore.it

 

 

 

Le immagini che vengono da lontano

(Marina Valcarenghi)

                                                            

Nella nostra vita ci muoviamo attraversando simboli spesso senza nemmeno averci  pensato: cos’è una stretta di mano? Un bacio a un’amica? Che cos’è una genuflessione per un credente? Una fede matrimoniale? O i colori della nostra bandiera? Sono simboli, cioè vogliono dire qualcosa che non si vede, che sta dietro, dichiarano per esempio fiducia e benevolenza, affetto, come anche l’accettazione della volontà divina, l’impegno nell’amore e la nostra unità nazionale.

I nostri sogni – non potendo usare le parole – usano immagini simboliche per raccontarci della nostra vita: se sogno la mia casa sogno quella parte di identità che è stabile e radicata dentro di me, se sogno di guidare la mia auto è il mio movimento che viene preso in considerazione, un tratto del mio percorso di vita, dove sto o non sto andando e così via.

Ci sono però immagini simboliche che hanno valori analoghi e costanti nella vita di tutti gli esseri umani e in ogni tempo e sono definite archetipiche: esse rappresentano un condensato di sapere accumulato in migliaia di anni, contengono un potenziale energetico e producono intense reazioni emotive.

Le immagini archetipiche fanno la loro comparsa nei sogni, ma anche nell’arte visiva, nella letteratura, nella poesia, nel linguaggio quotidiano, religioso, filosofico, psicologico e persino pubblicitario.

Noi  registriamo queste immagini, ma non sempre siamo in grado di decifrarle, di capire il loro perché e quindi che cosa ci vogliono dire, come ci vogliono aiutare.

In questo seminario parlerò di alcune immagini archetipiche e insieme andremo alla loro ricerca nell’esperienza di ognuna di noi.